...il mio diario di enogastronomia siciliana

Lo scopo principale che mi ha spinto a realizzare questo blog è quello di condividere con voi una passione che ho sempre sentito dentro di me, e cioè, quella della "Cultura del bere e del mangiare" legata in qualche modo all'antica e intensa tradizione intessuta di profumi e sapori scaturiti dalla nostra straordinaria ed amabile terra... La Sicilia.

martedì 21 ottobre 2008

Il marsala e le sue origini

Il marsala racchiude in sè tutta la tradizione, il sapore, la storia, i colori e i profumi della Sicilia in un itinerario tanto straordinario quanto affascinante nella realta' vinicola.Cercherò in questo post di far apprezzare a tutti i miei visitatori le virtù, i segreti e le qualità che non tutti conoscono fino in fondo.Cenni storici:Il marsala nasce nel 1773 ad opera di John Woodhouse, un commerciante e navigatore di Liverpool che in quell'anno a bordo del suo veliero brigantino "Elizabeth"approdò a Marsala (Trapani) a causa di una tempesta.Lui e il suo equipaggio ebbero modo di degustare il vino locale, forte e robusto: il Perpeetum (perpetuo) proprio a motivo del fatto che il vino giovane veniva mischiato con quello vecchioprelevato dalle grandi botti di buon legno.A quel punto, proprio Woodhouse attraverso la miscela di acquavite di vino e sapienti miscugli di mosti, ne spedì 400 litri in Inghilterra riscuotendo un notevole successo. Ben presto la fama del Marsala si diffuse non solo in Inghilterra, ma anche in gran parte dell'europa e via via in tutto il mondo.

Caratteristiche organolettiche:


colore oro: prodotto da uve a bacca bianca
colore ambra: prodotto con l'aggiunta di mosto cotto
colore rubino:prodotto da uve a baca nera miscelate con uve a bacca bianca sensa aggiunta mosto cotto.

Residuo zuccherino:
Secco: con zuccheri inferiori a 40 g per litro
semisecco: con zuccheri che vanno tra i 40 e i 100 g per litro
dolce: con zuccheri al di sopra dei 100 g per litro.

caratteristiche di produzione:

Fine: minimo 1 anno di invecchiamento ,e conciato
Superiore: minimo 2 anni di invecchiamento ,e conciato
vergine: minimo 5 anni di invecchiamento, non conciato
vergine riserva: minimo 10 anni di invecchiamento, non è conciato.

2 commenti:

Susina strega del tè ha detto...

Grazie per le info, il marsala mi piace molto anche se spesso, dalle mie parti viene conosciuto soprattutto per ricette di dolci...bellissima la foto bianca-nera-marsala... ^__^

marcella candido cianchetti ha detto...

interessante ed esaustivo articolo,uso il marsala oltre che x dolci anche quando faccio 'o grassatu bona iunnatedda